Senza valutazione rischi il Job on call si trasforma in un rapporto ordinario

Posted by

Il datore di lavoro che utilizza il lavoro intermittente senza aver effettuato la valutazione dei rischi per la salute e sicurezza sul lavoro deve essere sanzionato con la trasformazione a tempo pieno e indeterminato del contratto stipulato con il lavoratore.

Con questa interpretazione l’Ispettorato Nazionale del lavoro (circolare n. 49, emanata ieri) ricostruisce il regime sanzionatorio applicabile nei casi di ricorso al job on call senza la preventiva predisposizione del documento di valutazione dei rischi.

Il tema che affronta la circolare non è tanto il divieto di utilizzo del contratto in tali situazioni, essendo pacifico che la legge (art. 14 del d.lgs. 81/2015) impedisca il ricorso al lavoro intermittente in assenza della valutazione dei rischi (come accade anche per altre forme flessibili come il contratto a termine e la somministrazione). La questione concerne, piuttosto, il tipo di sanzione applicabile in caso di violazione di tale divieto.

Si potrebbe, infatti, ritenere affetto da nullità assoluta il contratto stipulato in violazione del divieto legale; la conseguenza di tale sanzione sarebbe tuttavia per certi versi paradossale, perché il lavoratore si troverebbe privo di qualsiasi tutela contrattuale.

Per evitare tale effetto, la circolare ritiene applicabile il regime della nullità parziale, che comporta la conversione del contratto nella forma ordinaria. L’Ispettorato giunge a tale conclusione richiamando il principio già affermato dalla Corte di Cassazione in relazione al contratto a termine, ma valido anche per questo caso: la contrarietà a norma imperativa di un contratto di lavoro “atipico” comporta la nullità parziale ai sensi dell’art. 1419 c.c. con conseguente conversione dello stesso nella “forma comune” di contratto di lavoro subordinato (Cassazione sent. 2 aprile 2012 n. 5241).

La circolare precisa che la nullità parziale del contratto stipulato “contra legem” e la conseguente conversione nella forma a tempo indeterminato costituisce la “sanzione” adeguata a colpire questi illeciti, come affermato anche da pronuncia della Corte di Giustizia Europea (la celebre sentenza 22 novembre 2005, causa C – 144/04, c.d. sentenza Angelìdaki) la quale ha ricordato che “il beneficio della stabilità dell’impiego deve essere inteso come un elemento portante della tutela dei lavoratori”.

A conferma di questa lettura, viene anche richiamata la giurisprudenza di merito.

Secondo due pronunce del Tribunale di Milano (sentenze nn. 1806 e 1810 del 19 e 20 giugno 2017), non sarebbe ostativa alla conversione del rapporto di lavoro la circostanza che tale “sanzione” non sia espressamente prevista dal legislatore.

La circolare, quindi, giunge a una conclusione coerente con la giurisprudenza prevalente, e ha il merito di ricordare l’importanza di un adempimento – la predisposizione del documento di valutazione dei rischi  – non solo ai fini della prevenzione degli infortuni ma anche del corretto utilizzo del lavoro flessibile.

Il Sole 24 Ore, 16 marzo 2018

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...