Jobs Act, i numeri di un successo che non si può negare

Posted by

Il boom di occupati è un risultato clamoroso, in un periodo dove la ripresa è ancora debole.

E fa sorridere il “problema” dei contratti a termine (e di somministrazione), che sono forme di occupazione regolare e stabile, che facilitano il primo ingresso nel mercato del lavoro e costituiscono il vero antidoto contro il precariato delle false partite iva e delle co.co.co. irregolari.

Un lavoratore a termine (o somministrato) è un cittadino di serie A del mercato del lavoro: il suo contratto ha una scadenza, è vero, ma il dipendente gode di tutte le tutele del lavoro subordinato e sopratutto ha la grande opportunità di farsi conoscere, apprezzare e, alla fine, stabilizzare.

La riforma del 2014, consolidata dal Jobs Act, ha liberato il lavoro a termine da assurdi contenziosi legali aumentando anche i limiti di utilizzo (sono state introdotte soglie prima inesistenti).

Peraltro, pochi hanno notato un fatto molto rilevante: negli ultimi mesi le imprese hanno usato solo il contratto a termine per non perdere il treno degli incentivi contributivi, applicabili solo dal 2018.

Non bisogna fare sconti a nessuno, sopratutto in campagna elettorale.

Ma bisogna anche dire la verità.

#JobsAct #funziona

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...