A chi spetta il diritto di convocazione dell’assemblea sindacale? La Cassazione coinvolge le Sezioni Unite

Posted by

Riccardo Maraga



Chi è titolare del diritto di convocare l’assemblea sindacale di cui all’art. 20 dello Statuto dei Lavoratori? Sul punto gli arresti giurisprudenziali della Cassazione non sono univoci e occorre, pertanto, rimettere la questione al primo Presidente per una eventuale trasmissione alle Sezioni Unite.

A deciderlo è stata la Cassazione, sezione lavoro, nell’Ordinanza 24443 del 30 novembre 2016.

La controversia è scaturita dal fatto che, ad una sigla sindacale, era stato negato il diritto di convocazione dell’assemblea sindacale,di cui all’art. 20 dello Statuto dei Lavoratori. L’azienda riteneva, infatti, che tale diritto spettasse alla RSU aziendale e non alle singole sigle che la compongono. L’organizzazione sindacale aveva, tuttavia, ritenuto il diniego aziendale una condotta antisindacale e presentato ricorso, per la relativa repressione, ex art. 28 dello Statuto dei Lavoratori. Da li origina la vicenda passata, di recente, al vaglio dei Giudici di Cassazione.

La Corte di legittimità ritiene che, sul punto, non vi sia stato un orientamento univoco nelle precedenti decisioni assunte. In particolare, esistono due filoni opposti.

Da un lato, pronunce che ritengono titolare del diritto di assemblea solo la RSU, intesa come organismo collegiale, e non le singole sigle sindacali che ne fanno parte (Cass. n. 28355/2002).

In posizione opposta si collocano quelle decisioni, per le quali il diritto di assemblea può essere riconosciuto anche alle singole sigle sindacali che fanno parte della RSU, a patto che siano sigle dotate di adeguata rappresentatività in seno all’azienda ai sensi dell’art. 19 dello Statuto dei Lavoratori.

Rilevato il contrasto tra pronunce diverse, la Corte rimette gli atti al Primo Presidente, per l’eventuale passaggio alle Sezioni Unite.

Non resta, dunque, che attendere le eventuali valutazioni delle Sezioni Unite, chiamate a fare chiarezza e a decidere, una volta per tutte, qual è l’opzione corretta e da seguire.

La questione appare interessante soprattutto per orientare il comportamento delle imprese ed evitare di incorrere in comportamenti che potrebbero essere considerai antisindacali.



Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...