Nuova edizione del Tg di Lavoro e Impresa: Marzia Sansone commenta la sentenza n. 5779 del 24.11.2014 con la quale il Consiglio di Stato ha ribadito il divieto di accesso, per il datore di lavoro, alle dichiarazioni rese dai lavoratori in sede ispettiva, in ragione della prevalenza dell’esigenza di tutelare la riservatezza degli stessi al fine di scongiurare ritorsioni o indebite pressioni.

 

Annunci