Cooperative: il licenziamento disciplinare del socio è di competenza del Giudice del lavoro

Posted by

Se il rapporto di lavoro del socio di una cooperativa si interrompe per ragioni disciplinari, la relativa controversia deve essere incardinata presso il giudice del lavoro; in questo caso, non opera la legge n. 142/2001, nella parte in cui assegna al giudice ordinario le controversie aventi ad oggetto l’estinzione del rapporto associativo.

Così sì è espressa la Corte di Cassazione con la sentenza n. 25237/2014, depositata ieri, a conclusione di una controversia nata a seguito del licenziamento disciplinare intimato da cooperativa nei confronti di un socio lavoratore. A seguito dell’azione promossa dal lavoratore avanti al Giudice del lavoro, la cooperativa ha eccepito l’incompetenza per materia, sostenendo che la causa avrebbe dovuto essere decisa davanti al giudice civile. A sostegno di questa tesi, la cooperativa ha invocato quanto previsto dalla legge n. 142/2001, che regola il rapporto di lavoro del socio lavoratore. Secondo la legge, tale rapporto ha un duplice risvolto: è un rapporto associativo, ma è anche un rapporto di lavoro, che si può svolgere in forma subordinata, coordinata o autonoma.

La medesima legge n. 142/2001 stabilisce, all’articolo 5, comma 2, che il rapporto di lavoro del socio si può estinguere con una delibera, assunta dagli organi della cooperativa, nei casi e con le modalità previste dalle norme dello statuto sociale. La Cassazione osserva che tale norma sancisce la dipendenza del rapporto di lavoro da quello associativo, in quanto configura l’estinzione del rapporto di lavoro come effetto immeditato della delibera di esclusione del socio, ma solo quando la cooperativa disponga l’esclusione del socio per uno dei motivi previsti dallo statuto sociale. Solo in questa ipotesi, prosegue la sentenza, la competenza a decidere circa l’esistenza dei presupposti per il mantenimento del rapporto associativo è del giudice ordinario, e solo in           questi casi l’eventuale successo dell’azione con la quale si impugna la delibera di esclusione determina la ricostituzione automatica sia del rapporto associativo, sia di quello lavorativo. In altre parole, secondo la Corte, al giudice civile spetta la competenza delle sole controversie aventi ad oggetto la prestazione mutualistica.

Se invece il rapporto si estingue per ragioni che non hanno nulla a che fare con il rapporto associativo, ma ha per oggetto solo questioni attinenti al rapporto di lavoro (come nel caso oggetto della pronuncia, nel quale il recesso era stato intimato per motivi di natura disciplinare), la competenza – secondo la Suprema Corte – non può che essere radicata in capo al giudice del lavoro, unico soggetto titolato a decidere in merito ai diritti sostanziali e previdenziali dei lavoratori.

 

(Giampiero Falasca, Il Sole 24 Ore, 28.11.14)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...